5 consigli per un ottimo risotto

risottoIl risotto è un piatto decisamente gustoso, che può essere apprezzato freddo o caldo, a seconda di come si preferisce. Per poter preparare un risotto “con i fiocchi”, però, bisogna seguire una serie di accorgimenti ed attenzioni che possono fare la differenza.

Per prima cosa diciamo che il risotto va preparato con attenzione, va seguito e va “curato”. Solo così si potrà avere un risultato gustoso.

La scelta del riso è, ovviamente, fondamentale. Meglio optare per del riso “Carnaroli“, che tiene la cottura e non attacca. Non c’è niente di peggio che fare un risotto e far “incollare” il riso. Ogni chicco dovrebbe essere ben separato dagli altri.

La fase di tostatura del riso fa la differenza. Come fare? In una padella far soffriggere dell’olio e della cipolla, magari dei pezzetti di carote e di sedano. Quando la cipolla è dorata bisogna “buttare” il riso e farlo tostare così per circa 1 minuto. Il riso si impregna, in questo modo, del grasso di cottura e i chicchi rimarranno completamente separati gli uni dagli altri. Attenzione a mescolare in continuazione, altrimenti si rischia di farlo attaccare.

Quando la fase di tostatura è finita, si può aggiungere del brodo per la cottura. Meglio optare per un brodo non preparato con il dado o, peggio, con una miscela granulare, bensì usare il brodo di verdure oppure, a seconda dei gusti, di pesce o di carne. Importante è non far mai asciugare il riso, altrimenti inizierebbe a cuocere in maniera non continua.

Occorre inoltre ricordarsi di spegnere la fiamma di cottura qualche minuto prima del termine della stessa, in maniera che si possa gustare un riso al dente e non scotto. Per lo stesso motivo, non bisogna mai farlo cuocere troppo ma rispettare precisamente i tempi di cottura indicati sulla confezione.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *